giovedì 10 novembre 2011



Londra

Ogni scusa é buona x tornare a Londra, questa volta l’occasione è stata la visita ad alcuni amici.


©fotopanpepato

Ogni volta che torno ne scopro un pezzetto in più o la vedo con occhi differenti. Per esempio, ora ho girato per singolari quartieri, cimiteri sconsacrati divenuti luoghi di svago nei quali la natura si è rimpossessata del posto, strade rese famose da inquietanti racconti ed ora diventate molto in voga.

©fotopanpepato

Ma ogni volta ritaglio del tempo per fare una visita al Borough Market. Se di mattina siete in visita alla Tate Modern e vi prende un languorino, fate qualche passo verso Est costeggiando il Tamigi fino quasi il London Bridge.  Il mercato si estende sotto e attorno agli archi della ferrovia.

Si tratta di uno dei mercati alimentari più grandi e conosciuti della città, dove si possono trovare prelibatezze e specialità provenienti da tutta l’Inghilterra e anche dall’estero. È un concetto differente dal nostro mercato, qui la maggior parte degli espositori sono artigiani, è forse più simile ai nostri mercati biologici, dove i piccoli produttori portano i loro prodotti (confetture, formaggi, torte, pane……) i nostalgici italiani, possono trovare mozzarelle, gorgonzola, prosciutto crudo e focaccia ligure (ammetto di non aver avuto il coraggio di assaggiarla).    

©fotopanpepato
©fotopanpepato

©fotpanpepato

Qui si può scegliere il fungo perfetto per i propri piatti, il pomodoro della giusta scala cromatica (da quello nero, al verde, al rosso passando dal giallo e all’arancione),
©fotopanpepato
©fotopanpepato

 le lepri, i fagiani o la starne
©fotopanpepato

ma anche il banco del pesce merita un’occhiata (i cannolicchi sono più del doppio dei nostri).    



©fotopanpepato
©fotopanpepato
Fatevi prendere dei profumi che arrivano dai banchetti che cuociono carne alla griglia speziata o dalla raclette (con la vera mezza forma di formaggio, fusa, raschiata e degustata con patate e sottaceti), dai pie o da una bella centrifuga appena fatta, da un panino farcito con oca o da una saporita paella. Per scaldarvi un po’ in questa stagione c’è la possibilità di un caldo vin brulé. Chi preferisce mangiare seduto, invece, può scegliere uno dei locali sfiziosi della zona.
Per finire in dolcezza, ci sono brownies, e fudge rigorosamente handmade.

Ricordatevi che il mercato è aperto solo dal giovedì al sabato.